Ma veramente i videoclip italiani fanno schifo? Così la pensa Rockit. Cosa fare allora?

Image source - Pexels.com

Secondo questo chiaro, cinico e sferzante articolo https://www.rockit.it/articolo/videoclip-italiani-registi i videoclip italiani farebbero schifo perché antichi e perché troppo improntati sulle star nostrane sempre in primo piano.

Una logica degli anni 80 ( non tutti ) che vede il videoclip come un collage di immagini a corredo di un brano musicale.

La giornalista si rivolge poi direttamente a noi registi bacchettandoci.

Mi viene in mente quella volta in cui, chiamato all’improvviso a realizzare delle riprese in ambito di un importante festival di musica, un artista molto popolare, mi disse esagitato perché, nonostante il poco tempo a mia disposizione, stavo cercando di creare comunque una narrazione:

“è un videoclip, mica un film, riprendi un po’ di immagini come vengono, poi tanto le monti dopo a tempo”

Ti assicuro che in quell’istante ho pensato che le mie orecchie di peggio avessero solo sentito frasi del tipo “tanto lo sfondo lo puoi cambiare in post” oppure “tanto quello poi me lo cancelli in post produzione”.

Questo esempio è utile a comprendere con chi spesso abbiamo a che fare: artisti egocentrici che se pur grandi a fare musica non lo sono altrettanto in un campo del quale spesso ignorano tante cose.

Basterebbe lasciarsi guidare da noi registi, ma d’altronde, non li giustifico, ma li capisco.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

A partire da Vasco Rossi (se guardi il videoclip di Eh Già) fino anche ai gruppi più d’avanguardia, vuoi per il grande ego, vuoi perché i fans vogliono vedere la star, vuoi per ridurre i costi, ormai girare un videoclip si riduce a:

???? Piazza l’artista con uno sfondo che canta il suo pezzo.

Tranne che per i fans più sfegatati, questo tipo di video vorresti dirmi che dopo 30 secondi non ti ha già, scusa il francesismo, appallato?

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Prendiamo invece il caso di Rovazzi. Lo so, sto citando Rovazzi a mio rischio e pericolo, il discorso è diverso. Attorno a un pezzo pop (è più elegante detta così) ci costruisce su una storia.

I suoi videoclip, benché il suo genere musicale stia a me per come l’aria fresca delle Dolomiti stia a Pechino in Agosto, io li guardo e mi piacciono e sarei felice di dirigerli.

Oggi la quarantena ha fatto di più, ha fatto sì che gli artisti si riprendessero direttamente spacciando queste riprese come videoclip. È un po’ come se dicessimo che Keith Richards arrivasse al massimo dello sballo con le sigarette al mentolo!

Ci sta tutto, è una situazione d’emergenza ed è bello avere gli artisti tutti intorno a me, come Ennio Doris, ma il videoclip è altra cosa.

Scommettiamo che d’ora in poi si prenderà in considerazione sempre di più il self tape?

È anche vero che se la musica vive di contaminazioni, il video deve ponderarle bene. Siamo sicuri che fondere musica e youtuber o Instgram stories style sia la cosa giusta?

Si, ma il mantra è: “e le visualizzazioni?”

Un video di Frank Matano che fa le scorregge al parco, oggi ne ha 20 milioni. Quindi?

Beh, chi la fa, l’ aspetti. Se non si è puntato a fornire arte e narrazione al videoclip è quasi naturale pensare che a breve neanche serviranno più le case di produzione e i registi. Almeno in Italia, visto che invece a livello internazionale i Gondry e i videoclip che (come il fashion film) fondono due stili diversi sono in auge da almeno un ventennio.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Ma come direbbe il mio organizzatore generale di fiducia: “gli americani fanno un altro mestiere”.

E se guardiamo nel mondo della musica indipendente è così? Certo che no. Gli indipendenti hanno fame di emergere. Se non fosse così non avrebbero speranze. Chi pensa che basti fare uno split screen come Vasco, ignora di non essere Vasco. E’ dura ma è così.

Di seguito trovi un videoclip che ho girato, non è il migliore o il più “blasonato” che ho fatto, ma è sicuramente quello dove l’omaggio al cinema è ben visibile.

C’è una storia. C’è il gruppo che si esibisce. C’è la presentazione dell’artista. Il pezzo mi piace molto .

Il cinema nel video è come il sale, dosato in modo corretto rende ogni nostro piatto prelibato. Senza sale? Lo gusteresti allo stesso modo?

In questo rispondo alla giornalista, perché come regista mi sento chiamato in causa. Qui sta la mia personale autorevolezza e il mio stile. Mettere un po’ di cinema in ogni lavoro e creare una storia che faccia pensare allo spettatore: e ora come finisce?

Semplicemente: il finale è diverso dall’inizio. Come un circuito di Formula 1 che non sia quello del Principato di Monaco.

In ogni lavoro quindi:

✔Un inizio, non necessariamente un intro

✔Una storia

✔L’artista (non necessariamente e nei prossimi articoli dirò anche il perché)

✔Un finale

????Cinema

Perché le grandi etichette non dovrebbero fare lo stesso?

Se ti è piaciuto questo articolo, consiglialo e condividilo, magari ci daranno una risposta.

Buona visione e buon ascolto

Articoli correlati

Ti Potrebbe interessare anche:

Cerca

𝑻𝒊 𝒂𝒊𝒖𝒕𝒐 𝒂𝒅 𝒂𝒇𝒇𝒆𝒓𝒎𝒂𝒓𝒆 𝒍𝒂 𝒕𝒖𝒂 𝒑𝒓𝒐𝒅𝒖𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒄𝒊𝒏𝒆𝒎𝒂𝒕𝒐𝒈𝒓𝒂𝒇𝒊𝒄𝒂 𝒂𝒕𝒕𝒓𝒂𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏 𝒅𝒊𝒂𝒍𝒐𝒈𝒐 𝒄𝒓𝒆𝒂𝒕𝒊𝒗𝒐 𝒎𝒂 𝒑𝒓𝒂𝒕𝒊𝒄𝒐 𝒕𝒓𝒂 𝒑𝒓𝒐𝒅𝒖𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒆 𝒓𝒆𝒈𝒊𝒂 𝒄𝒐𝒍 𝒇𝒊𝒏𝒆 𝒅𝒊 𝒕𝒓𝒐𝒗𝒂𝒓𝒆 𝒍'𝒊𝒅𝒆𝒂 𝒈𝒊𝒖𝒔𝒕𝒂 𝒑𝒆𝒓 𝒖𝒏 𝒈𝒓𝒂𝒏𝒅𝒆 𝒔𝒖𝒄𝒄𝒆𝒔𝒔𝒐. 𝑺𝒆 𝒉𝒂𝒊 𝒖𝒏 𝒃𝒓𝒂𝒏𝒅 𝒐 𝒖𝒏'𝒂𝒈𝒆𝒏𝒛𝒊𝒂 𝒅𝒊 𝒑𝒖𝒃𝒃𝒍𝒊𝒄𝒊𝒕𝒂̀ 𝒕𝒊 𝒂𝒊𝒖𝒕𝒐 𝒂𝒅 𝒂𝒖𝒎𝒆𝒏𝒕𝒂𝒓𝒆 𝒊𝒍 𝒕𝒖𝒐 𝒇𝒂𝒕𝒕𝒖𝒓𝒂𝒕𝒐 𝒆 𝒍𝒂 𝒕𝒖𝒂 𝒗𝒊𝒔𝒊𝒃𝒊𝒍𝒊𝒕𝒂̀ 𝒂𝒕𝒕𝒓𝒂𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒗𝒊𝒅𝒆𝒐 ( 𝒆𝒎𝒐𝒛𝒊𝒐𝒏𝒂𝒍𝒊 𝒐 𝒄𝒐𝒓𝒑𝒐𝒓𝒂𝒕𝒆) 𝒅𝒊 𝒒𝒖𝒂𝒍𝒊𝒕𝒂̀.

🎬 Chi sono:

Sembra ieri il 2004 quando sui set di D&G imparavo tanto osservando Giuseppe Tornatore.
Lavoro da anni come regista e creativo.
Sono specializzato in Fashion Film.
Nel 2020 ho vinto il prestigioso Chicago Fashion Film Festival.
Per offrire ai brand e ai miei clienti una migliore preparazione ho studiato durante il primo lockdown i social e il marketing digitale.

𝐒𝐞 𝐥𝐚 𝐭𝐮𝐚 𝐫𝐢𝐜𝐞𝐫𝐜𝐚 𝐩𝐮𝐧𝐭𝐚 𝐚:
𝐭𝐫𝐨𝐯𝐚𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐧𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐚𝐮𝐭𝐨𝐫𝐞 𝐜𝐡𝐞 𝐬𝐚𝐩𝐩𝐢𝐚 𝐝𝐢𝐫𝐢𝐠𝐞𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐬𝐞𝐭
𝐜𝐫𝐞𝐚𝐫𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐭𝐞𝐧𝐮𝐭𝐢 𝐯𝐢𝐝𝐞𝐨 𝐞𝐦𝐨𝐳𝐢𝐨𝐧𝐚𝐧𝐭𝐢
𝐨𝐟𝐟𝐫𝐢𝐫𝐞 𝐚𝐢 𝐭𝐮𝐨𝐢 𝐜𝐥𝐢𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐥𝐚 𝐜𝐞𝐫𝐭𝐞𝐳𝐳𝐚 𝐜𝐡𝐞 𝐥𝐚 𝐥𝐨𝐫𝐨 𝐢𝐦𝐦𝐚𝐠𝐢𝐧𝐞 𝐞̀ 𝐢𝐧 𝐛𝐮𝐨𝐧𝐞 𝐦𝐚𝐧𝐢

PRENOTA UNA CHIAMATA CON ME

Ciò che mi ha permesso di ottenere i miei successi è stato:

– non aspettare che le cose mi piovessero dall’alto. Se non avessi creduto in me e finanziato i miei primi lavori, nessuno in Italia mi avrebbe mai fatto girare nulla.
– aprirmi alle innovazioni
– ascoltare tanto. Ogni persona ha una storia.

Ognuno di noi ha un percorso di vita unico. Io li rispetto perché dietro a ognuno non è detto che non ci siano sacrifici, cadute, rinunce.
Che tu sia un produttore, il proprietario di una azienda o una persona che sta muovendo i primi passi verso il successo, sono la via migliore affinché tu possa affermare te stesso.

Il video è il re della comunicazione e noi siamo come ci presentiamo.
Come diceva Oscar Wilde :”𝑁𝑜𝑛 𝑎𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑜𝑐𝑐𝑎𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑓𝑎𝑟𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑏𝑢𝑜𝑛𝑎 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑖𝑚𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒

La tua immagine è importante e la tua immagine è anche la mia!

✅COME CONTATTARMI FUORI DA QUESTO SITO WEB:


📧 Info@massimofalsetta.com |
Manager: Eugenio Piovosa
cell. 349 212 0110

📝ufficio stampa @Simona Pellino