Preoccupato per la sopravvivenza del tuo lavoro e la tua produzione? Consigli pratici su come ripartire, guadagnare e tornare a fare cinema.

Image source - Pexels.com

Da diversi anni a questa parte, non ho mai smesso di lavorare. Questa è come immagino anche per te, la prima vera pausa forzata. Sin dal risveglio, il mio pensiero è rivolto alle mie creazioni, ma solo oggi ho realizzato qualcosa di importante e sconcertante allo stesso tempo.

Stavo prendendo il mio solito caffè e mi sono accorto di essere veramente preoccupato per una serie di cose. Non era affatto il solito caffè condito di entusiasmo, di una idea nuova per una sceneggiatura, non era a fianco a un ordine del giorno, a una telefonata o a uno storyboard per un progetto video. Sulla tazzina ho visto la scritta Lexotan, sulla zuccheriera Minias e al posto dei biscottini due bei pasticconi di lansoprazolo da 30 e ti assicuro che non sono un tipo ansioso.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Per la prima volta, mi ero accorto che questa situazione apocalittica aveva azzerato i miei pensieri o meglio li aveva appiattiti su una posizione ben definita “non posso farci niente, finché questa situazione non passa devo stare fermo, speriamo passi presto”. Totalmente in balia del fato.

Nella migliore delle ipotesi mi restava aspettare il videomessaggio alla nazione di Conte con la stessa frenesia con la quale aspettavo la gara di Luna Rossa nei mondiali di barca a vela. Ma non ha parlato di noi.

Mi mancava il set, la troupe, i sorrisi, le incazzature, le insicurezze degli attori, la chiamata del produttore, il mio lavoro, la mia vita quotidiana insomma. Senza contare i miei mancati guadagni.

Leggo sulla bacheca di un amico direttore della fotografia questo articolo:

https://www.monitor-radiotv.it/w/riaprono-i-set-in-danimarca-e-svezia/

Riassumo per conto dei miei occhi lucidi e vibranti:

–         Persone a distanza di 4 metri

–         Niente folle

–         Turni di lavoro

–         Casting online

–         Pasti in porzioni singole

Mi sono detto: finalmente! Qualcosa si muove, qualcosa è possibile! Ma il mio entusiasmo è stato smorzato da una serie di obiezioni nostrane e da contestuali approfondimenti che sono andato a cercare in giro. Anche telefonando ad amici esperti del settore la situazione non era incoraggiante.

È emerso che:

In queste condizioni, qua è impossibile girare. Né i grandi produttori, né gli attori più conosciuti sarebbero disposti a correre il rischio di contagio e seguendo questi, tutta la filiera. Tra le obiezioni più comuni:

–         Come fanno gli attori a recitare così distanti?

–         Come fa a muoversi un carrello?

–         Come si trucca un attore?

E gli ultimi scampoli di entusiasmo vengono spenti da lapidari comunicati sindacali dove si dice in chiare lettere che fino a che non ci sarà un vaccino o una cura per il COVID-19 i set devono restare fermi.

A questo punto, ho visto fuori dalla finestra e la scritta Lexotan campeggiava in cielo trascinata dalle Frecce Tricolore.

Ma prima di rientrare in quello stato catatonico da invertebrato mi sono ricordato di chi sono e cosa faccio nella vita: lo sceneggiatore, il regista e l’ideatore di contenuti video in generale con diversi anni di set alle spalle.

Quello che sto per dire potrebbe non piacere a chi resterà escluso da questo ragionamento ma è quanto di più concreto e risolutivo si possa proporre oggi per non far fallire un comparto (e i suoi derivati, penso ad esempio a chi necessita di uno spot pubblicitario, un videoclip o un fashion film) così importante come quello della produzione cinematografica e televisiva.

Si può tornare a lavorare a patto che azzeriamo in parte, per primi noi autori, il cinema come oggi lo conosciamo.

È chiaro che se per cinema prendiamo in considerazione solo i quarantenni che corrono e si baciano di Muccino o La Grande Bellezza di Sorrentino, concordo anche io che questo cinema non si può al momento fare.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Conosci un regista di nome David Fincher? Se non sai chi è ti basta sapere qualche titolo dei suoi film:

–         Seven

–         Fight Club

–         Il curioso caso di Benjamin Button

–         Zodiac

–         Millennium, uomini che odiano le donne

–         The social network

E credimi tanti altri film.

Diresti che fa un cinema palloso o invendibile? La risposta è certamente di no. Dunque, nella stragrande maggioranza dei suoi film, la sua regia è per il 90% fatta da camere fisse e panoramiche.

Potresti dirmi: “però, i suoi contenuti sono quanto di più dinamico e coinvolgente esiste, quindi non servono grandi movimenti di macchina”. E hai pienamente ragione.

Allora ti porto come esempio il film (non suo) dal titolo Circle, Trovi in fondo il trailer originale. Un film del 2015 di Netflix.

Bene, tutte le persone presenti sono impalate e ferme per tutto il film sulla loro posizione, per l’appunto in circolo, per tutta la durata del film. Il film ti assicuro è molto coinvolgente.

Praticamente cosa deduciamo già da questi due esempi per il problema del post covid?

Nel primo caso, possiamo girare a camera fissa quindi solo con l’operatore dopo che il direttore di fotografia ha posizionato le luci e fare piccoli movimenti di macchina, come una panoramica o uno zoom.

Nel secondo, possiamo scrivere una storia avvincente con i nostri attori distanziati a distanza di sicurezza.

Ma aggiungo: perché non sfruttare, vista sempre l’emergenza, le tecnica del cinema indipendente (capace in alcuni esempi di girare ottimi film anche risparmiando) e quindi le riprese con attrezzature leggere quali macchine fotografiche reflex digitali su supporti leggeri tipo slider o carrelli che l’operatore stesso può muovere da solo?

Senza considerare il parco attrezzature delle teste remotate ed affini gestite tutte da remoto.

E il trucco? Scriviamo delle storie dove il trucco è quello base in modo che un attore stesso possa farselo da solo seguito da un truccatore, se necessario.

Posso fare una riflessione? Abbiamo imparato durante questa emergenza a considerare degli eroi medici, farmacisti, infermieri, commessi, corrieri ecc.

Siamo davvero sicuri che i nostri attori desiderino restare a casa piuttosto che rispettare questi accorgimenti per tornare a recitare? Può darsi, ma forse manchiamo di rispetto a loro in primis nel pensarlo senza chiederglielo. Io come regista tornerei domani sul set senza timori e senza pensare di essere a rischio se attorno a me vengono prese delle misure di sicurezza sulla base di quanto ho consigliato.

Pensaci bene. La produzione cinematografica mondiale è ferma, pensa solo a quella statunitense. Questo vuol dire che i palinsesti per il prossimo anno saranno carenti di contenuti. C’è una opportunità unica (specie per i piccoli e medi imprenditori del settore ma anche per chi vuole investire nel cinema), quella di colmare una domanda che sarà ben superiore dell’offerta, con una buona prospettiva di guadagno e prosperità finanziaria.

E ripeto, con costi di produzione sicuramente inferiori.

Non coglierla perché preferiamo fissare il caffè sul divano mentre il nostro conto corrente e i nostri sacrifici di anni di duro lavoro vanno in fumo?

Ho voluto condividere con te questa intuizione nella speranza di esserti d’aiuto.

Ti lascio con una frase di un grande maestro invitandoti a condividere questo articolo se ti è piaciuto.

Come sempre puoi consultare il mio sito all’indirizzo www.massimofalsetta.com o contattarmi per ogni tua esigenza.

Il cinema è il “come”, non il “cosa”A. Hitchcock

Articoli correlati

Ti Potrebbe interessare anche:

Cerca

𝑻𝒊 𝒂𝒊𝒖𝒕𝒐 𝒂𝒅 𝒂𝒇𝒇𝒆𝒓𝒎𝒂𝒓𝒆 𝒍𝒂 𝒕𝒖𝒂 𝒑𝒓𝒐𝒅𝒖𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒄𝒊𝒏𝒆𝒎𝒂𝒕𝒐𝒈𝒓𝒂𝒇𝒊𝒄𝒂 𝒂𝒕𝒕𝒓𝒂𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒖𝒏 𝒅𝒊𝒂𝒍𝒐𝒈𝒐 𝒄𝒓𝒆𝒂𝒕𝒊𝒗𝒐 𝒎𝒂 𝒑𝒓𝒂𝒕𝒊𝒄𝒐 𝒕𝒓𝒂 𝒑𝒓𝒐𝒅𝒖𝒛𝒊𝒐𝒏𝒆 𝒆 𝒓𝒆𝒈𝒊𝒂 𝒄𝒐𝒍 𝒇𝒊𝒏𝒆 𝒅𝒊 𝒕𝒓𝒐𝒗𝒂𝒓𝒆 𝒍'𝒊𝒅𝒆𝒂 𝒈𝒊𝒖𝒔𝒕𝒂 𝒑𝒆𝒓 𝒖𝒏 𝒈𝒓𝒂𝒏𝒅𝒆 𝒔𝒖𝒄𝒄𝒆𝒔𝒔𝒐. 𝑺𝒆 𝒉𝒂𝒊 𝒖𝒏 𝒃𝒓𝒂𝒏𝒅 𝒐 𝒖𝒏'𝒂𝒈𝒆𝒏𝒛𝒊𝒂 𝒅𝒊 𝒑𝒖𝒃𝒃𝒍𝒊𝒄𝒊𝒕𝒂̀ 𝒕𝒊 𝒂𝒊𝒖𝒕𝒐 𝒂𝒅 𝒂𝒖𝒎𝒆𝒏𝒕𝒂𝒓𝒆 𝒊𝒍 𝒕𝒖𝒐 𝒇𝒂𝒕𝒕𝒖𝒓𝒂𝒕𝒐 𝒆 𝒍𝒂 𝒕𝒖𝒂 𝒗𝒊𝒔𝒊𝒃𝒊𝒍𝒊𝒕𝒂̀ 𝒂𝒕𝒕𝒓𝒂𝒗𝒆𝒓𝒔𝒐 𝒗𝒊𝒅𝒆𝒐 ( 𝒆𝒎𝒐𝒛𝒊𝒐𝒏𝒂𝒍𝒊 𝒐 𝒄𝒐𝒓𝒑𝒐𝒓𝒂𝒕𝒆) 𝒅𝒊 𝒒𝒖𝒂𝒍𝒊𝒕𝒂̀.

🎬 Chi sono:

Sembra ieri il 2004 quando sui set di D&G imparavo tanto osservando Giuseppe Tornatore.
Lavoro da anni come regista e creativo.
Sono specializzato in Fashion Film.
Nel 2020 ho vinto il prestigioso Chicago Fashion Film Festival.
Per offrire ai brand e ai miei clienti una migliore preparazione ho studiato durante il primo lockdown i social e il marketing digitale.

𝐒𝐞 𝐥𝐚 𝐭𝐮𝐚 𝐫𝐢𝐜𝐞𝐫𝐜𝐚 𝐩𝐮𝐧𝐭𝐚 𝐚:
𝐭𝐫𝐨𝐯𝐚𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐧𝐮𝐨𝐯𝐨 𝐚𝐮𝐭𝐨𝐫𝐞 𝐜𝐡𝐞 𝐬𝐚𝐩𝐩𝐢𝐚 𝐝𝐢𝐫𝐢𝐠𝐞𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐬𝐞𝐭
𝐜𝐫𝐞𝐚𝐫𝐞 𝐜𝐨𝐧𝐭𝐞𝐧𝐮𝐭𝐢 𝐯𝐢𝐝𝐞𝐨 𝐞𝐦𝐨𝐳𝐢𝐨𝐧𝐚𝐧𝐭𝐢
𝐨𝐟𝐟𝐫𝐢𝐫𝐞 𝐚𝐢 𝐭𝐮𝐨𝐢 𝐜𝐥𝐢𝐞𝐧𝐭𝐢 𝐥𝐚 𝐜𝐞𝐫𝐭𝐞𝐳𝐳𝐚 𝐜𝐡𝐞 𝐥𝐚 𝐥𝐨𝐫𝐨 𝐢𝐦𝐦𝐚𝐠𝐢𝐧𝐞 𝐞̀ 𝐢𝐧 𝐛𝐮𝐨𝐧𝐞 𝐦𝐚𝐧𝐢

PRENOTA UNA CHIAMATA CON ME

Ciò che mi ha permesso di ottenere i miei successi è stato:

– non aspettare che le cose mi piovessero dall’alto. Se non avessi creduto in me e finanziato i miei primi lavori, nessuno in Italia mi avrebbe mai fatto girare nulla.
– aprirmi alle innovazioni
– ascoltare tanto. Ogni persona ha una storia.

Ognuno di noi ha un percorso di vita unico. Io li rispetto perché dietro a ognuno non è detto che non ci siano sacrifici, cadute, rinunce.
Che tu sia un produttore, il proprietario di una azienda o una persona che sta muovendo i primi passi verso il successo, sono la via migliore affinché tu possa affermare te stesso.

Il video è il re della comunicazione e noi siamo come ci presentiamo.
Come diceva Oscar Wilde :”𝑁𝑜𝑛 𝑎𝑏𝑏𝑖𝑎𝑚𝑜 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑛𝑑𝑎 𝑜𝑐𝑐𝑎𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑓𝑎𝑟𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑏𝑢𝑜𝑛𝑎 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑖𝑚𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒

La tua immagine è importante e la tua immagine è anche la mia!

✅COME CONTATTARMI FUORI DA QUESTO SITO WEB:


📧 Info@massimofalsetta.com |
Manager: Eugenio Piovosa
cell. 349 212 0110

📝ufficio stampa @Simona Pellino